in

Fabio Volo dà la sua versione dei fatti sul caso Ariana Grande (ma peggiora le cose)

fabio volo

Ieri Fabio Volo è stato accusato dai social di aver fatto un discorso inopportuno in riferimento ad Ariana Grande, la celebre cantante “colpevole” di aver realizzato un video, a detto di Volo, troppo esplicito e con riferimenti sessuali: un pessimo esempio quindi per le migliaia di ragazzine che seguono la star.

Centinaia di commenti e decine di articoli sono stati scritti per puntare il dito contro lo scrittore, che su Instagram, attraverso qualche commento, aveva respinto qualunque accusa ed aveva dato appuntamento ad oggi, col suo programma in radio, per dare la sua versione dei fatti.

Ecco cosa ha detto poco fa Volo in radio, dopo aver mandato in onda il brano incriminato, 7 rings

Mi fanno ancora male le ginocchia perché ero a quattro zampe come lei che la volevo imitare e ieri, per aver detto che mi sembra strano che sia tutto ok che una persona che parla ai ragazzi giovani usi comportamenti esplicitamente di riferimenti sessuali, in un momento in cui c’è il Me Too ecc… mi sembrava di aver fatto un bel discorso per le donne. Ieri ho subito una shitstorm, una tempesta di me*da.

Ero a casa e stavo correggendo il mio libro… Vedo sotto l’ultima foto che ho messo centinaia di commenti tipo “muori, morite tu e i tuoi figli di cancro”…

Quando uno mi insulta cancello e lo blocco. Se critichi e basta, puoi stare lì. Per come sono educato io, se mio padre avesse letto cose del genere scritte da me, mi avrebbe dato delle pacche. Però siccome adesso i figli imitano anche i genitori…

Poi ho anche pensato “meno male sia successo a me, perché ho capito i ragazzini che subiscono questa violenza che poi si buttano dal balcone… perché è una cosa talmente aggressiva… poi con quel linguaggio…”

Io cercavo anche di rispondere “non ho mai detto a una donna putt*na”. Era a favore delle donne…

Ma poi arrivano quelli seri, Repubblica, Corriere

Ma poi qui a Il Volo del Mattino siamo come una famiglia, e ad esempio in famiglia uno si permette di dire cose che vanno un po’ fuori, perché certo io ho detto “per come è vestita, uno che la guarda direbbe “chi è ‘sto puttanun?”, ma io lo dico perché voi siete un po’ la mia famiglia. Ieri mi son trovato accusato di qualcosa che non ho fatto, ho detto il contrario.

Io chiedo scusa ai fan di Ariana, ma io non ho mai detto che è una putt*na. Poi capisco che voi avete bisogno di amare fortemente qualcuno perché siete lì su un’isola da soli… I vostri genitori dovrebbero fare una riunione e dire “ma dove eri dove quando tuo figlio augurava la morte a una persona?”.

È stata solo una seccatura per me, ma se ca*ano così davanti ad una persona che non ha gli strumenti per reggere, quella cosa lì ti soffoca…

Guardate quello che scrivono i vostri figli.

Cosa ne pensi?

-2 points
Upvote Downvote
Lascia un commento
  1. In vita mia ho sempre criticato Fabio per il suo ” non essere uno scrittore” e non avrei mai creduto che un giorno sarei stato d’accordo con lui . Ieri forse non è stato il massimo della finezza ma il suo discorso generale è giusto . D’altronde ha espresso la sua opinione come fanno tutti , c’è chi dice e scrive di peggio ma non ottiene una shit-storm dalle bimbe di “star qualsiasi” .

  2. No no, mi dispiace ma le cose non stanno come afferma e continua imperterrito sulla discesa verso l’abisso. Io ho letto decine di commenti ieri sera, alcuni mi hanno fatto morire dal ridere, minacce di morte io non ne ho viste, ma era quasi unanime il giudizio che una donna, rispettando le leggi vigenti, deve essere libera di fare del suo corpo ciò che meglio crede. La Signora Grande, perchè questo è avendo 26 anni, oltre che una donna è un’artista che deve essere libera di esprimersi senza censure, neanche quella dell’ininfluente dj italiano. Io la conoscevo vagamente solo di nome, ho guardato il video che tra l’altro è il più casto della storia del pop che ricordi. La posizione tanto deplorata dall’impazzito a questo punto, Fabio Volo, si chiama “carponi”, ma la cantante non ammiccava e non mimava nulla e le riprese erano tutte frontali. Il termine che ha citato lui, dicendo che non sapeva come si dicesse al nostro paese, era in inglese, ma in un’accezione hot. Ne approfitto per informarlo che c’è un termine che corrisponde e che usiamo in Italia, che è anche il suo di paese, ma che non citerò per ovvii motivi di opportunità. Ma pare che l’inglese lo conosca quando gli pare, perché ha completamente frainteso il testo. L’unica cosa volgare di tutta questa spiacevole faccenda è il suo linguaggio, che purtroppo le figlie che afferma di voler tutelare, ascolteranno in futuro, perché internet non dimentica. In questo caso credo che la sconcezza sia negli occhi di chi guarda.

    • Mi perdoni, gentile Silvia…ma leggere che “la sconcezza è negli occhi di chi guarda” fa un po’ sorridere. E’ da anni che si assiste alla pura mercificazione della donna, dalle trasmissioni in tv ai video musicali. Far passare per “liberta’” quelle che sono, semplicemente, operazioni commerciali atte a far vendere dischi o altro…è decisamente esagerato.
      Sono d’accordo con Lei quando scrive “una donna, rispettando le leggi vigenti, deve essere libera di fare del suo corpo ciò che meglio crede”….ma se questo essere “libera” si traduce in una mercificazione, non è questa stessa azione un controsenso verso quello che è il vero significato di essere veramente donna?

      • Ho visto che mi ha risposto, mi fa piacere poter replicare perché credo che Fabio Volo con le sue dichiarazioni abbia generato non pochi equivoci. Premetto che sono contro ogni mercificazione del corpo delle donne, ma quando sono altri che ne traggono profitto. Se una donna in coscienza e piena libertà vuole farlo è un suo diritto, come per gli uomini. Ma non è il caso di Ariana Grande. Io sono dell’epoca di Madonna, perciò ignoravo completamente chi fosse, e per questo sono andata su wikipedia, dove la rimando. Insomma, la Grande, 26 anni, nel mondo dello spettacolo da quando ne aveva quindici, è una delle cantanti più affermate del momento, più ricca e più seguita. Cito: “Una figura influente sui social media, è una femminista dichiarata e una sostenitrice dei diritti LGBT. Afferma il controllo sulla sua immagine pubblica ed è conosciuta per le sue audaci scelte di moda.” E in questo caso, come ho già scritto, non era neanche il caso di fare tutte queste polemiche, perché a differenza di tanti altri che girano, il video non ha nulla di scandaloso, la cantante è più coperta di una suora, e, appunto non ha atteggiamenti hot. A parte la tanto incriminata posizione, ripeto ripresa frontalmente. E anche per il testo, l’equivoco è dato dalla lingua differente. “I want it, I got it” non si riferisce a nulla di erotico, ma alla possibilità di una donna di successo di acquistare (e, metaforicamente, ottenere) tutto quello che vuole. Se non ho capito male, parla del fatto che lei ha un anello di valore e ne comprerà uno per ogni sua amica. Mi meraviglia che il nostro giramondo quanto volgare Fabio Volo, che forse l’unica cosa che ci teneva a farci arrivare era che stava in una palestra australiana, non ha figlie, ma due maschi, speriamo che non vengano su come il padre. Noi ce lo stiamo dimenticando, ma le donne i diritti se li sono dovuti conquistare, fino a non pochi anni fa eravamo proprietà privata, se non ricordo male fino agli anni 70 se un uomo uccideva la moglie fedifraga non era punibile, era un delitto d’onore! Signori maschietti, ormai le donne sono uscite dalle caverne e non ce le possiamo rimettere, per mangiare non si va a caccia ma al supermercato, perciò smettiamola con questi tentativi di spostare indietro le lancette degli orologi e di cancellare i diritti ottenuti che dovrebbero essere acquisiti. Se volete fare qualcosa di bello per le donne, invitate i vostri colleghi di genere a non acquistare sesso dalle ragazzine per strada, magari minorenni, rapite, seviziate e sfruttate. Ariana Grande, Madonna, Lady Gaga non hanno bisogno né della vostra comprensione né tanto meno del vostro aiuto, e se le ragazzine si ispirano a loro, forse in futuro avremo più donne indipendenti che se decidono di stare con un uomo è per amore e non per un falso bisogno di sicurezza. O forse è proprio questo che spaventa?

  3. Come si fa a non essere d’accordo con Fabio Volo? Si può accendere la TV a qualsiasi ora del giorno, collegarsi ad internet, sfogliare una rivista di qualsiasi tipo, guardare una pubblicità o anche vedere qualche performance musicale per trovarci le stesse cose. È arte questa? Sembra più il marchio di questi anni il continuo richiamo con ammiccamenti più o meno espliciti. È un bombardamento mediatico. La guerra dell’apparire, il vuoto cosmico! Trasmissioni basate su ogni tipo di prurito che generano star del nulla. Gli opinionisti, gli influencer, ma siamo impazziti. Non viviamo anni di grande creatività ne di grande attenzione a ciò che ci circonda andiamo di fretta, incameriamo dati per immagini, bisogna attirare l’attenzione con la frase ad effetto o con lo sguardo o la posa giuste. Ci rimarrà poco di questi tempi se non gli enormi danni fatti. Speriamo che i ragazzi di oggi possano presto prenderne coscienza e voltare pagina se non saranno prima coperti dalla plastica che continuiamo a produrre e buttare malgrado non sappiamo ancora come smaltire mentre guardiamo le performance di pseudo musicisti e ci stupiamo del commento di Fabio Volo.

  4. Scusate ma Lady Gaga qualche tempo fa, Britney spears prima ancora, la aguilera, Madonna ancor prima che facevano? Non è che Fabio si arrabbia perché adesso le figlie le ha lui?

  5. C’è modo e modo di fare le cose provocatorie. Viviamo in una epoca di mercificazione assoluta, mischiare le provocazioni di madonna di like a virgin e il prendilo dammello ecc di aruana grande nel 2019 mi sembra una bestemmia, mischiare merda con cioccolata.inoltre la grande è giovanissima e l’esempio che da in questo video è pessimo. Lavoro nei social media, modero contenuti e vi posso garantire che queste teenager (se non 10anni)che hanno voglia di fare le zoccole sono rivoltanti. Quello che mi sconvolge è che in molti video cisono pure i genitori che fanno peggio dei figli. Fabio volo ha ragione da vendere, ci vorrebbero delle sacrosante mazzate a questi bambinetti. Ripeto non confondete le provocazioni di madonna degli anni 80, non sapete si che parlate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

fabio volo

Il primo commento di Fabio Volo dopo la bufera su Ariana Grande

Evanescence e Within Temptation insieme per il “Worlds Collide Tour”