in

George Clooney ricoverato d’urgenza: “ho dovuto perdere velocemente 14 kg per un film”

George Clooney
George Clooney

George Clooney è stato ricoverato d’urgenza a causa di una pancreatite.

A raccontarlo è l’attore stesso al The Mirror, a cui rivela i sacrifici che ha dovuto affrontare per interpretare un ruolo molto particolare all’interno di un film.

A soli quattro giorni dall’inizio delle riprese di The Midnight Sky, film in arrivo su Netflix a partire dal 23 dicembre, l’ex fidanzato di Elisabetta Canalis si è sentito male, tanto che la troupe cinematografica ha richiesto l’intervento immediato dei soccorsi.

George Clooney, infatti, si stava preparando per interpretare il ruolo di Augustine Lofthouse, uno scienziato 59enne malato di cancro e unico sopravvissuto su una terra distrutta, l’Artico; per calarsi al meglio nella parte assegnatagli, era necessario che l’attore perdesse velocemente molti chili e così ha fatto, arrivando a perdere ben 14kg in pochissimo tempo.

I radicali cambiamenti fisici cui si è sottoposto l’attore gli sono però costati cari, come rivela egli stesso:

“Forse io ho provato a perdere peso troppo rapidamente e in modo tutt’altro che sano, senza curarmi del fatto che il dimagrimento è un processo più lento. Ci sono volute alcune settimane per migliorare, e come regista non è stato facile perché occorre molta energia. Eravamo su questo ghiacciaio in Finlandia, il che ha reso il lavoro estremamente più difficile. Ma sicuramente ha aiutato con il personaggio. Ora, per fortuna, mi sono ripreso e sto meglio”.

Un altro cambiamento fisico che ha dovuto affrontare è stata la crescita di una folta barba che – afferma George Clooney – piace molto al figlio Alexander.

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Belen Rodriguez e Antonino Spinalbese

È scontro tra Belen Rodriguez e i paparazzi: intervengono anche i Carabinieri

Netflix

Netflix ha in programma una serie simile a The Crown: I Savoia