in

Addio a Gigi Proietti: il mattatore si spegne nel giorno del suo 80esimo compleanno

Gigi Proietti morto 80 anni

Gigi Proietti, uno dei più grandi attori romani del teatro, del cinema e della tv si è spento oggi nel giorno del suo ottantesimo compleanno.

L’attore, stando a quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, era ricoverato già da quindici giorni in una clinica per problemi cardiaci. Le condizioni si sono aggravate ieri sera e oggi ci ha lasciati per sempre.

Commosso l’addio da ogni parte della nostra penisola: la sua morte ha turbato tutto il mondo della cultura, dell’arte e della televisione.

Meravigliose le sue moltissime interpretazioni, fra le più amate gli sketch del Cavaliere Nero e il doppiaggio per il cartone animato della Disney, Aladdin. Nel 1992, infatti, la Disney portò in tutte le sale questo film di animazione che è rimasto nel cuore di tutti, dove Gigi Proietti diede voce al Genio della lampada. Un’interpretazione non facile, poiché doveva competere con la voce originale che un altro compianto attore aveva dato al Genio: Robin Williams. Per la sua performance memorabile l’attore (che pure nell’occasione ebbe alcuni dissidi con la Disney) si aggiudicò un Golden Globe Speciale per il doppiaggio, assieme a vari altri premi, come ad esempio la Miglior performance comica agli MTV Movie Award.

Il messaggio di Sergio Mattarella per la morte di Gigi Proietti

Anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha voluto esprimere il suo cordoglio per la morte dell’attore. E l’ha fatto con queste parole:

È con grande dolore che ho appreso la notizia della scomparsa, nel giorno dell’ottantesimo compleanno, di Gigi Proietti. Attore poliedrico e versatile. Regista, organizzatore, doppiatore, maestro di generazioni di attori. Erede naturale di Ettore Petrolini, era l’espressione genuina dello spirito romanesco. Grande cultura, capacità espressiva eccezionale, frutto di un intenso lavoro su se stesso. A questo univa una simpatia travolgente e una bonomìa naturale, che ne avevano fatto il beniamino del pubblico di ogni età. Desidero ricordarlo anche come intellettuale lucido e appassionato. Sempre attento e sensibile alle istanze delle fasce più deboli e al rinnovamento della società. Alla signora Sagitta, alle figlie Susanna e Carlotta, ai suoi collaboratori e ai tanti suoi allievi desidero far giungere il mio più profondo cordoglio. A nome della Repubblica, e sentimenti di vicinanza personale

fonte: ilfattoquotidiano.it

Cosa ne pensi?

0 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grande Fratello Vip, alcuni inquilini spettacolarizzano la preghiera? Il video che fa discutere

Tina Cipollari

Tina Cipollari assente nelle prossime puntate di Uomini e Donne: ecco cosa è successo