in

Giulia Valentina contro il clickbait: “scrivono che sono sexy, ma perché non parlano degli altri contenuti?”

Giulia Valentina

Hanno fatto notizia, e continuano a farle, le affermazioni di Giulia Valentina, nota influencer milanese, contro il clickbait da quattro soldi.

Si, perché facendo un giro sul web, Giulia Valentina avrebbe notato che la stragrande maggioranza degli articoli che la riguardano evidenziano il suo lato “sexy”. Un vero e proprio smacco per l’influencer, che dal proprio profilo Instagram lancia contenuti che con il suo sex appeal hanno poco a che vedere.

Perfetta professoressa di inglese (ha frequentato la scuola americana dall’asilo alle superiori), con i suoi IGTV racconta le storie che si nascondo dietro alcuni modi di dire mentre i suoi follower prendono appunti, orgogliosa mamme delle Wawe (Gue e Chewbecca, i suoi cagnolini), guru della moda, sostenitrice di iniziative di solidarietà, fervente amica delle api sostenendone la lotta per la salvaguardia. Insomma, Giulia Valentina ha ricordato che i suoi contenuti sono ben lontani dal sottolineare quanto sexy possa essere.

Con l’ironia che la contraddistingue, Giulia Valentina ha sottolineato che vorrebbe essere valorizzata non solo perché sia sexy, ma soprattutto per il valore che regala con i contenuti da lei prodotti. Ecco cosa avrebbe affermato l’influencer:

Chi non mi segue non sa che io esisto. Se vedono Giulia Valentina seducente si chiederanno: ma chi è Giulia Valentina? E sarebbe opportuno sottolineare che sono quella degli IGTV o delle storie sui sushi cat, non la sexy!

Un bell’atto di denuncia per tutte quelle donne che sono state valorizzate solo per il loro fisico, il loro sex appeal e non per la loro intelligenza.

Cosa ne pensi?

6 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fulvio Abbate

Fulvio Abbate e Salvo Veneziano commentano il crollo emotivo di Maria Teresa… e ritorna anche Filippo Nardi

Azealia Banks

Azealia Banks spiega perché ha disseppellito la sua gatta e l’ha bollita