in

Grande Fratello Vip: Maria Teresa Ruta, esasperata, si lascia andare ad un durissimo sfogo – VIDEO

Maria Teresa Ruta
Maria Teresa Ruta

Il Grande Fratello Vip è iniziato da ormai 121 giorni e per i concorrenti, soprattutto quelli che sono entrati all’inizio, la stanchezza comincia davvero a farsi sentire, provocando incomprensioni e litigi.

Questo è ciò che è successo a Maria Teresa Ruta, esasperata dalla continue critiche mossegli da alcuni coinquilini e in particolare da Cecilia Capriotti, nominata dalla stessa Maria Teresa.

Cecilia Capriotti non ha proprio digerito la nomination e ha sferrato una dura critica alla Ruta, accusandola di essere falsa:

“Io ho scoperto un’altra Maria Teresa, non merita la mia fiducia, non mi interessa piu a chiarire con lei. Mi ero fatta un’idea di lei, ho voluta conoscerla per cambiarla, ma poi si torna alla prima idea.”

A cena, invece, dopo la tensione già alta, alcuni inquilini hanno intavolato una discussione in cui si è parlato anche del russare di Maria Teresa.

La donna, esasperata dalla prolungata permanenza nella casa e dalle reiterate critiche di alcuni concorrenti, ma soprattutto di Cecilia, è scoppiata in uno sfogo molto intenso:

Io stanotte dormo in lavatrice, non voglio più veder nessuno. E che c***o sono? Porca pu***na. E basta! Mi sono rotta i co***ni, dormo in lavatrice, così non rompo i co***ni a nessuno e nessuno mi deve sopportare. Basta! Basta! Nessuno mi deve difendere, nessuno deve prendere le mie parti. Non ne posso più. E ballo perchè ballo, e russo perchè russo e rido perchè rido. Basta! Sono una persona, ca***o. Mandatemi in nomination!”

Dopo lo sfogo di Maria Teresa, Cecilia è rimasta sulla sua posizione

Cosa ne pensi?

15 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regina Elisabetta II

Sapete che cos’è il test della “mosca morta” della Regina Elisabetta II? Ecco in cosa consiste la bizzarra prova

Filippo Nardi

Filippo Nardi, recidivo, commenta lo sfogo di Maria Teresa Ruta: “borderline?”