in

Il Codacons denuncia Chiara Ferragni e viene chiamato in causa anche Papa Francesco: ecco cosa è successo

Chiara Ferragni

Il Codacons torna all’attacco ed è di nuovo la famiglia Ferragnez ad essere presa di mira.

Questa volta ad essere accusata è Chiara Ferragni, la celebre imprenditrice digitale, che già in passato ha dovuto difendersi dai colpi dall’associazione.

Il motivo? L’immagine pubblicata da Vanity Fair in cui Chiara viene rappresentata come la Madonna. Per il Codacons, il fotomontaggio “ha generato indignazione e raccapriccio nell’opinione pubblica e sul web”.

Questo il comunicato dell’associazione

Presentiamo un esposto alla Procura della Repubblica e al Ministro dei beni culturali Dario Franceschini affinché intervengano su quella che non è una provocazione, ma una grave mancanza di rispetto per i cristiani, per l’intero mondo religioso e per l’arte in genere. L’immagine che raffigura la Ferragni nei panni di una moderna Madonna con bambino dipinta da Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato sfrutta la figura della Madonna e la religione a scopo commerciale, essendo noto come la Ferragni sia una vera e propria ‘macchina da soldi’ finalizzata a vendere prodotti, sponsorizzare marchi commerciali e indurre i suoi follower all’acquisto di questo o quel bene.

Non finisce qui, perché il Codacons ha invocato anche Papa Francesco

La foto rappresenta uno sfruttamento indegno della figura della Madonna che ha scatenato le proteste dell’intero mondo cristiano, per cui l’esposto viene inviato anche a Papa Francesco affinché si pronunci contro tale squallida e inutile provocazione

Fedez è intervenuto ironicamente sulla vicenda

Mi mancavano

Cosa ne pensi?

-4 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

domenica live

Domenica Live, Soleil Sorge rivela la sua verità sull’aggressione omofoba ai danni di Iconize

federico fashion style

Federico Fashion Style contro Antonella Mosetti a Live: “non ha pagato il conto, la sua carta non funzionava, poi mi ha bloccato”