in

Marco Mengoni si confessa: “in amore non contemplo paletti e muri”

Nel panorama musicale italiano, uno degli artisti più seguiti e apprezzati è sicuramente Marco Mengoni, vincitore nel 2009 della terza edizione di X Factor nonché del Festival di Sanremo del 2013 con l’indimenticato brano L’essenziale.

Dieci anni dopo il suo grande debutto, Marco prosegue oggi inarrestabile la sua carriera un successo dopo l’altro… Sulla soglia dei trentun anni (classe 1988), il cantante ha voluto oggi fare un bilancio della sua vita e, alle pagine di 7 – Sette, il settimanale de Il Corriere della Sera, si è così espresso:

La società va veloce e non esiste più quella consacrazione lì dei nostri punti di riferimento, alla Dalla o alla De André. Devi metterti alla prova di continuo. Non è detto che il mio prossimo disco vada bene. Chi nasce oggi, o è nato da un po’, la sente da subito l’instabilità, non voglio usare la parola precarietà. Ma questa instabilità, dovuta a un’evoluzione che coinvolge tutta la società, la senti. Niente ora è in equilibrio. Sono nato con le cassette, durate poco, poi sono venuti i cd, poi il digitale e poi chissà.

Io ho 30 anni e mi sono aiutato, analizzato, fatto analizzare, fatto gavetta più o meno lunga, ai like e dislike sono vaccinato. Per questo la mia vita privata sui social non mi va di mettercela, se è privata non mi va di mettere in mezzo persone che non c’entrano con la mia fama. Io faccio questo mestiere e io devo essere fucilato in piazza, ma non voglio che i miei cari siano massacrati. Ci tengo a proteggere le piante, figurarci le persone che mi stanno accanto!

Noi qui siamo messi meglio di chi ci ha preceduto, la mia generazione è più aperta in tutti i sensi e mi dispiace per le persone che ci governano non si aprano alla natura. Io sono un 30enne antico, ma anche oltre, avanti anni luce. Sono aperto a tutto, sarò l’ultimo naïf ma non vedo barriere, confini, per me la Terra non è di nessuno.

Ed ecco che, a questo punto, Marco ha voluto in qualche modo dare una riposta alla tanto discussa questione della sua sessualità, sin da subito al centro dell’attenzione mediatica:

Non contemplo paletti e muri, non mi accorgo della tonalità della carnagione o della scelta di amare un uomo o una donna. Ma la mia vita privata è mia, se ti va di sentire la mia gioia, il mio dolore, ti senti i miei dischi. Io voglio vivere questa vita il meglio possibile, purtroppo noi trentenni, anch’io, abbiamo difficoltà a viverla, con questo tempo che corre troppo veloce. L’unico consiglio che do ai ragazzi come me è: vivete. Domani può succedere tutto.

Bello e bravo, Marco ci sposi?

Cosa ne pensi?

8 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ballando con le Stelle, Samanta Togni lascia il programma? Le sue parole

Sfera Ebbasta e Radio Zeta hanno fatto pace, il post di chiarimento